provincia di bergamo

La prevenzione dei denti contro l’insonnia

E’ importante la prevenzione dei denti, in quanto c’è meno probabilità di soffrire di insonnia. Da una ricerca è emerso che avere meno di 10 denti è associato a dormire meno di quattro ore. 

Una buona prevenzione dei denti può aiutare contro l’insonnia. Una ricerca giapponese, della Tohoku University, pubblicata sulla rivista Sleep Medicine rileva che gli anziani con meno di 10 denti spesso non riescono a raggiungere l’obiettivo raccomandato di dormire sette ore per notte, alcuni arrivano a stento a quattro, e i denti mancanti si pensa influenzino il modo in cui la lingua sta distesa in bocca, il che potrebbe portare anche ad (Osa).

I ricercatori hanno analizzato 23.444 persone anziane con un’età media di 73 anni, selezionate in maniera casuale dal Japan Gerontological Evaluation Study 2010, uno studio sull’età adulta avanzata. I partecipanti hanno riferito il loro numero di ore di sonno e anche quello dei denti che ancora rimanevano.

La maggior parte ha affermato di riposare sette ore a notte, con solo il 2,7 per cento che dormiva per meno di quattro ore e il 4,7 per cento per più di 10. A circa il 14,7% dei partecipanti mancava almeno un dente.
Dall’analisi dei risultati è emerso che avere meno di 10 denti è associato a dormire meno di quattro ore o più di sette ore. Anche il dormire troppo ha i suoi problemi come potrebbe essere un fattore di rischio per ictus, diabete e morte prematura.

La scoperta che gli anziani con meno denti avevano una durata del sonno più breve o più lunga indica che queste persone potrebbero soffrire di apnee ostruttive del sonno“, concludono i ricercatori. “Quanto evidenziato dallo studio – aggiungono – implica che gli interventi che promuovono la salute dentale potrebbero essere di aiuto per un invecchiamento sano degli anziani, aiutandoli a mantenere un sonno adeguato”

La faccia è formata da molte ossa ed alcune di queste sono molto complesse e tutte collegate tra loro. Le ossa del viso a loro volta formano quelle del cranio e si muovono con dei sottili ritmi regolari. Un trauma alla faccia e ai denti, può avere un effetto su tutto il corpo e può rendere difficile il normale movimento di queste strutture con sintomi come emicrania, dolore al collo ed alla schiena, problemi alle orecchie e di insonnia.

Le conseguenze sulla salute quando mancano diversi denti

  • Alterazione dell’articolazione temporo-mandibolare
  • Perdita della normale stabilità dei denti.
  • Dolori facciali e cambiamenti della struttura del viso
  • Difficoltà nel parlare
  • Disturbi alla funzione masticatoria e digestiva.
  • Cefalee diurne e notturne con insonnia

Prevenzione e controlli dal Dentista

I controlli periodici dal Dentista rappresentano una corretta prevenzione dentaria, in quanto la perdita dei denti naturali è un fenomeno pervasivo tra gli italiani over 40, al punto da poterlo definire un vero problema di salute pubblica.  I meno fortunati sono circa sono 19 milioni e in 1 caso su 4 hanno perso almeno 8 denti.

La perdita dei denti viene percepita sempre come un evento molto grave, con serie conseguenze a livello fisico e psicologico. La caduta di uno o più denti non va trascurata poiché il più delle volte nasconde un grave problema di salute o per abitudini alimentari scorrette o non curanza dell’igiene orale.

Molte persone e soprattutto i bambini consumano con troppa facilità dolci, gelati e caramelle ed i batteri che albergano nel cavo orale diventano pericolosi per la salute dei denti. Un eccessivo consumo di zuccheri predispone con più facilità ad infezioni dentali che possono causare a lungo andare anche la caduta dei denti. Cosi come anche il fumo, causa dei danni alle gengive ed ai denti.

La salute dei Denti dipende anche dall’alimentazione

  • Il latte ed i derivati protegge la salute dei denti, grazie all’elevato contenuto di Calcio
  • Ottime sono le verdure perché stimolano la salivazione e aiutano a pulire la bocca
  • La frutta croccante è ricca di fibre e contengono delle sostanze antibatteriche capaci di ridurre i depositi di placca dentaria
  • Ravanelli, pomodori, ciliegie sono ricche di fluoro
  • La carne bianca, i legumi contengono importanti proteine che aiutano la formazione delle strutture e dei tessuti
  • Il ferro ed il magnesio nelle verdure sono utili per la salute dei denti e delle gengive

Studio Bergamaschi Gilardoni – Dentista a Treviglio, in provincia di Bergamo

Fonte: 2anews.it

Igiene dentale e cura dei denti: ecco perché la prevenzione è importante

In molti, purtroppo, sappiamo cosa significa soffrire di mal di denti. A chi non è mai capitato di trascurarsi e di cercare un dentista all’ultimo minuto solo quando la situazione stava precipitando? Disinteressarsi della salute dei propri denti ci porta inevitabilmente a conseguenze molto serie che, con il passar degli anni, potrebbero danneggiare in maniera più grave la nostra bocca. Evitare di arrivare a situazioni critiche è possibile.

Ma come? Controllarsi periodicamente e affidarsi ad un buon dentista è sicuramente il primo passo per tutelare la salute del cavo orale, fermando, o comunque limitando, gli effetti di future malattie dentali.
Ecco cosa è importante sapere.
BUONE ABITUDINI
Anche le piccole abitudini sono fondamentali per la salute dei nostri denti.
Bastano infatti pochi, ma costanti, accorgimenti di vita quotidiana per mantenere un sorriso sano e forte: lavarsi i denti spesso, per esempio, soprattutto dopo aver mangiato cibi ricchi di zucchero.
Occorre farlo almeno tre volte al giorno, utilizzando uno spazzolino pratico e maneggevole, (non troppo duro però perché altrimenti potrebbe irritare le gengive). Attraverso movimenti decisi e continui per circa due minuti, è possibile rimuove tutti i residui di cibo presenti tra un dente e l’altro e quelli sotto la linea gengivale.
Dove lo spazzolino non arriva, possiamo ricorrere al filo interdentale per rimuove il cibo rimasto in maniera più efficace, raggiungendo i punti che lo spazzolino non è riuscito a pulire.
In questo modo si riduce anche il rischio di formazioni di tartaro e di eventuali proliferazioni di batteri.
E’ importante lavarsi i denti prima di andare a dormire: durante la notte, infatti, la protezione salivare è inferiore rispetto al giorno quindi, se la bocca non è ben pulita, i batteri riescono a muoversi più liberamente.
Utilizzare inoltre un buon dentifricio e un colluttorio al fluoro è indispensabile per rafforzare lo smalto dei denti.
Ricorda: è buona norma sostituire spesso lo spazzolino da denti.
PULIZIA DENTALE PERIODICA
La pulizia dentale è importante per la salute della nostra bocca.
Grazie a questo trattamento, infatti, è possibile rimuovere la placca depositata sui denti che, altrimenti, potrebbe trasformarsi in tartaro, causando carie e ulteriori problemi alle gengive.

Studio Bergamaschi Gilardoni – Dentista a Treviglio, in provincia di Bergamo

Fonte: altolazionotizie.it

dentista a treviglio per anziani

Denti: scarsa cura in anziani aumenta rischio polmonite

Una scarsa cura dei denti aumenta, negli anziani, il rischio di polmonite e malattie respiratorie. Questa la conclusione a cui sono arrivati i ricercatori dell’Università di Kyushu, che hanno studiato il ruolo del microbiota della lingua, cioè di tutto quell’insieme di microrganismi che vivono “ospiti” del corpo stesso. Secondo quanto emerso, infatti, le persone anziane con meno denti, con una scarsa igiene dentale e un maggior numero di carie, ingeriscono costantemente un maggior numero di microbi disbiotici che possono essere dannosi per la loro salute respiratoria.

Prima di questo studio, i ricercatori sapevano che un’aspirazione costante della saliva può portare a polmonite, una delle principali cause di morte tra gli anziani. Gli studiosi, in questo caso, hanno analizzato lo stato dei microrganismi in 506 persone tra 70 e 80 anni e hanno scoperto che la sua composizione era legata alle condizioni dei denti. Un gruppo di batteri che amano coabitare (composto da Prevotella histicola, Veillonella atypica, Streptococcus salivarius e Streptococcus parasanguinis) è stato associato a un aumentato rischio di mortalità dipeso dalla polmonite.

Questo gruppo batterico era più predominante negli anziani con meno denti, una maggiore placca e una maggiore quantità di carie. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista scientifica mSphere.

 

Studio Bergamaschi Gilardoni – Dentista a Treviglio, in provincia di Bergamo

dentista a treviglio

Vuoi fare immersioni? Passa dal dentista.

Un dolore ai denti durante un’immersione subacquea ha portato Vinisha Ranna, studentessa universitaria alla Buffalo school of dental medicine di New York, a riflettere sul legame tra attività subacquea salute dei denti.

«Lo studio appena condotto ha dimostrato che un’associazione esiste, anche se non è possibile parlare di un legame causa-effetto tra immersione e problemi dentali» afferma la ricercatrice che ha pubblicato i risultati dell’analisi sulla rivista British Dental Journal. «Chi vuole fare immersioni deve sottoporsi a uno screening per verificare le condizioni di salute generale, ma nel check up non è incluso alcun controllo dentistico» continua Ranna che assieme ai colleghi ha coinvolto nello studio un centinaio di sub amatoriali chiedendo loro se avessero mai sperimentato dolore o problemi ai denti durante o dopo l’immersione. In particolare, il 42 per cento dei partecipanti è andato incontro a quella che in termini tecnici viene definita barodontalgia, ovvero un dolore ai denti legato ai cambiamenti di pressione.

«Circa un quarto dei sub coinvolti nella ricerca ha avuto dolore ai denti legato all’erogatore dell’aria che deve essere tenuto in bocca durante le immersioni e il 22 per cento ha invece avuto dolore alla mandibola» continuano gli autori che poi aggiungono: «Nel 5 per cento dei partecipanti si sono verificati problemi con le corone presenti e in un caso con un’otturazione».

Come ricordano gli esperti, dal momento che l’erogatore dell’aria deve essere tenuto in bocca durante tutta la durata dell’immersione, qualunque problema di tipo odontoiatrico può potenzialmente aumentare il rischio di danni alla salute orale dei sub. «I disturbi di denti, gengive e mandibola sono più evidenti sott’acqua che in superficie e per questo è importante passare dal dentista prima di dedicarsi alle immersioni subacquee, o subito dopo, se tali disturbi si sono manifestati» conclude Ranna.

dentista a treviglio

Afte: cosa sono e come curarle

Definizione

Le afte sono piccole lesioni edematose della mucosa orale, di forma tondeggiante e del diametro di pochi millimetri. Possono comparire come lesioni singole o a gruppi

Cause

Non sono note cause specifiche, nei bambini molto piccoli compaiono durante il periodo della dentizione oppure in concomitanza di malattie infettive. Solitamente si manifestano in relazione a malattie gastrointestinali, in presenza di stress o per deficit di vitamine. Quasi sempre regrediscono spontaneamente entro 10 giorni ma possono aversi delle recidive.

Sintomi

Inizialmente si presentano come una piccola macchia rossa all’interno della bocca che si trasforma in una vescicola rivestita da una sottile membrana bianca. Quando la vescicola si rompe si crea la piccola ulcera che tende a infettarsi e a infiammarsi. Le afte possono essere molto dolorose e irritarsi facilmente durante la masticazione o se si consumano alimenti acidi

Diagnosi

L’esame diretto del medico della mucosa orale accerta la presenza di afte.

Cure

Non esistono terapie specifiche per guarire le afte, ma si può intervenire per ridurre il dolore con antinfiammatori, antidolorifici, sciacqui con soluzioni contenenti anestetici locali oppure creme e gel a base di corticosteroidi. Gli sciacqui con soluzioni al perossido di ossigeno o antibiotici possono evitare infezioni e complicanze. Colluttori a base di antibiotici possono essere prescritti dal medico o dal dentista a chi soffre di afte ricorrenti ed essere utilizzati al primo comparire dei sintomi. Anche una miscela di acqua e bicarbonato di sodio riduce l’acidità della bocca e favorisce la guarigione delle lesioni infiammate.

Cure complementari

Si possono fare sciacqui con succo di Aloe vera oppure impacchi con una bustina di te nero inumidita, per alleviare il dolore, diminuire l’infiammazione e lenire le ulcere. Compresse di propoli sono anche indicate per prevenire le infezioni e accelerare la guarigione delle lesioni

Alimentazione

Cibi irritanti, come agrumi, zucchero, cioccolata e caffè, o molto caldi possono peggiorare le afte e provocare dolore. Il cibo deve essere abbastanza tenero da non richiedere troppa masticazione e se lingua o labbra sono particolarmente sensibili si può usare una cannuccia per assumere alimenti liquidi. Sciogliere cubetti di ghiaccio in bocca può essere di sollievo per il dolore.

Studio Bergamaschi Gilardoni – Dentista a Treviglio, in provincia di Bergamo

dentista aperto in estate bergamo

Salute dei denti più a rischio in estate

Secondo l’Accademia Italiana di Odontoiatria Conservativa e Restaurativa (AIC), le alte temperature e la prolungata esposizione al sole aumentano la proliferazione batterica

La salute dei denti, nella stagione più calda dell’anno, è messa in pericolo da svariati fattori. Il caldo e il cambiamento delle abitudini alimentari, durante l’estate, sembrano essere delle vere e proprie minacce per la salvaguardia della nostra dentatura. A confermarlo è l’Accademia Italiana di Odontoiatria Conservativa e Restaurativa (AIC).

Mal di denti

Lorenzo Breschi, presidente di AIC, ha rivelato che le alte temperature e la prolungata esposizione al calore solare sembrerebbero portare, non solo a un incremento della proliferazione batterica, ma anche alla comparsa di infiammazioni. Per questo motivo, in estate, potrebbe essere maggiore la probabilità di avere gengive doloranti o di soffrire di mal di denti. Durante le vacanze, spesso e volentieri, ci si dedica inoltre ad attività, quali la mountain bike o la pallavolo, che potrebbero aumentare la possibilità di subire traumi alla dentatura. Al mare, per di più, è molto più difficile tenere sotto controllo l’alimentazione. Per questo sembra essere maggiore, in estate, il consumo di cibi poco salutari e gravemente dannosi per lo smalto dentale: come spuntini, aperitivi, bibite con gas, brioche e bevande alcoliche.

Utili consigli dell’AIC

“Può capitare, in vacanza, di dimenticarsi di lavare i denti correttamente perché si è spesso fuori casa, ma l’igiene non ammette pause”, spiega Breschi, presidente dell’Accademia Italiana di Odontoiatria Conservativa e Restaurativa. Per questo motivo, in viaggio, è opportuno non sottovalutare l’importanza della salute della bocca e della cura dentale. È consigliabile, a detta dell’AIC, portare sempre con sé spazzolino, dentifricio e filo interdentale, preferibilmente riposti in un luogo fresco e asciutto. È opportuno, inoltre, attendere una trentina di minuti, dopo l’assunzione di soft drink, prima di procedere con la pulizia dei denti. È infatti necessario attendere che la saliva riesca a tamponare l’ambiente acido, creato dall’eccessiva presenza di zuccheri, prima di lavarsi i denti. Lorenzo Breschi, presidente dell’associazione, consiglia inoltre di limitare il consumo di alimenti zuccherati, in quanto questi ultimi rappresentano il nutrimento per eccellenza dei batteri.

Fonte: tg24.sky.it

Studio Bergamaschi Gilardoni – Dentista a Treviglio, in provincia di Bergamo

dentista a treviglio

Nella saliva dei diabetici rischi per la salute della bocca

La saliva dei diabetici potrebbe essere diversa da quella di persone sane ed esporli a maggior rischio di carie e di altre malattie del cavo orale.
Infatti uno studio condotto presso la Queen Mary University di Londra, che è stato presentato al meeting della International Association for Dental Research, mostra che molti pazienti diabetici soffrono di bocca secca e che a ciò si associa una saliva meno densa e povera di proteine protettive e di calcio.
Questa saliva di qualità compromessa espone i diabetici a maggior rischio di problemi di salute orale.

In questo studio, su una piccola casistica di pazienti diabetici e persone sane di controllo, è stata analizzata la composizione della saliva di ciascun volontario.
È emerso che nei pazienti diabetici con bocca secca la saliva è meno densa e quindi meno protettiva per la superficie dei denti che risultano quindi più esposti al rischio di erosione e di carie. Inoltre la saliva dei diabetici con bocca secca è anche carente di una molecola protettiva – la proteina MUC7 – e di calcio e questo contribuisce a creare un ambiente più acido nel cavo orale e quindi più a rischio per carie ed erosione dentale. Lo studio getta le basi per mettere a punto esami di screening preventivo non invasivi basati sull’analisi della saliva per la diagnosi precoce di carie o per la valutazione del rischio individuale di problemi dentali nei diabetici e non solo.

Il paziente diabetico è soggetto ad una serie di complicanze sistemiche che colpiscono organi sensibili come l’occhio, i reni, il sistema cardiocircolatorio e il sistema nervoso. La sesta complicanza del diabete è la parodontite che colpisce circa il 50% della popolazione, ricorda Luca Landi, presidente eletto della Società Italiana di Paeodontologia e Implantologia (SIdP). “Nel diabete, in particolare nel paziente diabetico anziano – afferma – è già nota una ridotta funzionalità delle ghiandole salivari con conseguente riduzione del flusso salivare, legata all’effetto della compromissione del microcircolo tipica del diabetico, all’effetto relativo all’invecchiamento dei tessuti ghiandolari e anche agli effetti collaterali dei farmaci che questi pazienti spesso prendono (ad esempio gli anti-ipertensivi)”. “La prevalenza di riduzione del flusso salivare nei diabetici varia tra il 12 e il 53% – sottolinea l’esperto SIdP – ben più alta rispetto a quanto si rileva nei coetanei sani (0-30%) secondo uno studio pubblicato sul Journal of Diabetes Research”. “Nello studio è interessante che sia stata rinvenuta la carenza di un marcatore proteico (MUC7) e del calcio, come marcatori di acidità salivare (fattore di rischio per carie e demineralizzazione)”. Il paziente diabetico che ha una riduzione del flusso salivare ha quindi sicuramente un maggior rischio di carie e parodontite con un impatto potenziale su qualità e aspettativa di vita.

“Al momento, però – conclude Landi – è ancora solo futuribile l’idea di utilizzare la saliva per un test predittivo. Sarà comunque sempre più importante in futuro valutare il paziente diabetico anche per la riduzione del flusso salivare”.

Studio Bergamaschi Gilardoni – Dentista a Treviglio, in provincia di Bergamo

dentista a treviglio

Disturbi gengivali: le semplici azioni per prevenirli

Per evitare la comparsa dei disturbi gengivali, è importante curare la propria igiene orale partendo da queste semplici azioni.

Pulire i denti almeno due volte al giorno e per non meno di un paio di minuti, usando eventualmente un dentifricio specifico per i disturbi gengivali. Lo spazzolamento dovrebbe essere eseguito 20-30 minuti dopo aver mangiato, per permettere alla saliva di neutralizzare l’acidità di alcuni alimenti.

Utilizzare uno spazzolino dotato di testina piccola e setole con punta arrotondata e morbide (contrariamente a quello che si crede, quelle dure non sono sinonimo di migliore detersione e rimozione della placca). Per la salute del cavo orale è importante eseguire un movimento di rotazione che parta dalla gengiva per dirigersi verso il bordo incisale dei denti. Durante l’operazione è altresì importante fare attenzione a non applicare una pressione eccessiva. Premere troppo lo spazzolino non significa, infatti, pulire meglio i denti, ma essere aggressivi e lesivi nei confronti delle gengive.

Usare il filo o lo spazzolino interdentale per rimuovere la placca dalle aree difficili da raggiungere. Il filo va introdotto delicatamente nello spazio interdentale, attraverso l’area di contatto di denti adiacenti con movimenti di ‘vai e vieni’. Una volta inserito, deve avvolgere lateralmente il dente aderendo a una singola superficie dentale (come se si disegnasse una C) e mosso lungo tutta la corona fino al colletto del dente, senza però provocare sanguinamento, fastidio o dolore. In caso di scarsa manualità, spazi accessibili, esposizioni radicolari, forcazioni, apparecchi ortodontici e impianti eÌ particolarmente utile lo spazzolino interdentale, uno strumento dotato di scovolini di forma conica o cilindrica, con setole disposte a spirale attorno a un’anima centrale. La dimensione più adatta andrebbe scelta in base agli spazi presenti. Lo scovolino va inserito nello spazio interdentale con una leggera inclinazione: dal basso verso l’alto per l’arcata inferiore e dall’alto verso il basso per quella superiore, mantenendolo ben aderente alla superficie interdentale da detergere, ed effettuando movimenti orizzontali di ‘vai e vieni’.

Usare un collutorio che sia in grado di offrire una protezione specifica per le gengive.

Prendere appuntamento regolarmente con il dentista per verificare l’effettiva condizione di igiene del proprio cavo orale e per poter individuare eventuali problemi alle gengive prima che se ne manifestino i sintomi.

Sottoporsi a una seduta di igiene orale almeno ogni sei mesi, affidandosi alla competenza di un igienista dentale.

 

Claudio Buono

dentista a treviglio

I denti stampati in 3D che proteggono dalle carie

Hai perso un dente? Presto il tuo dentista potrebbe stamparne un altro in 3D. Perfettamente identico al primo, ma in grado di uccidere il 99% dei batteri che causano le carie.

Un sorriso a prova di specchio e di carie. È  quello che promette la chimica unita alla stampa in 3D di denti e protesi dentali, che sta diventando sempre più una realtà grazie alla scansione digitale del cavo orale e a innovativi materiali sempre più performanti e sicuri. È a questo scenario che sta lavorando Andreas Herrmann dell’Università di Groningen (Olanda) che insieme ad altri colleghi ha sviluppato un materiale plastico antimicrobico che può essere stampato in 3D. Lo studio ha integrato sali quaternari di ammonio, altamente efficace contro una grande varietà di microrganismi, germi e batteri, in una resina di polimeri. Questo “mix” è stato usato con resine dentali già esistenti per creare, grazie a una stampa in 3D, denti di ricambio resistenti all’attacco di questi nemici del sorriso. «Il materiale – ha spiegato a New Scientist Herrmann, autore della ricerca – può uccidere i batteri al solo contatto e non è dannoso per l’organismo». Per provare le proprietà anti-microbiche di questa nuova generazione di denti sintetici, i ricercatori hanno rivestito i campioni di un materiale organico formato da saliva e Streptococcus mutans, il batterio che causa la carie. Ebbene, il materiale ha ucciso oltre il 99% dei batteri, rispetto a meno di 1% di un campione di controllo privo dei sali di ammonio. «Per passare ad una fase successiva dobbiamo ancora lavorare su altri test e sulla compatibilità con i dentifrici», ha concluso Herrmann.

dentista treviglio

Perché i denti degli adulti non ricrescono?

Dopo tutto se l’hanno fatto una volta, perché non dovrebbero farlo una seconda?

I denti non ricrescono perché una volta che spuntano quelli definitivi non ci sono più le gemme dentarie, le strutture che potrebbero farli ricrescere e che sono invece ancora presenti quando cadono i denti da latte. La gemma dentaria è un precursore, presente all’interno dell’osso alveolare, che contiene le cellule formatrici dello smalto (adamantoblasti), la papilla dentaria (che si trasforma in polpa dentale) e le cellule responsabili della formazione della dentina (odontoblasti). L’uomo è difiodonte, cioè vede crescere due sole dentizioni: la prima è composta da venti denti da latte, o decidui, che spuntano in genere dai sei mesi ai due anni e mezzo di età; la seconda è costituita dai denti definitivi, che subentrano ai primi erodendone le radici e portandoli alla caduta.

La dentizione definitiva si completa attorno ai venti anni, con la crescita dei denti del giudizio.

Treviglio BG

Viale Battisti Cesare, 45

Chiama o Whatsapp

0363 40128

Lunedì - Venerdì

9:00 - 12:30 | 15.00 - 20.00

Per appuntamenti

bg.odonto@alice.it